Music

TIMIDO


Testo di Davide Liperoti

Ascolta su Spotify

 

Timido, prima di parlare alza il gomito
Entra nel merito, di un discorso che non ha più seguito
Comico, goffo innaturale il lato scenico
Sia pure isterico complicando ciò che di più è logico

Vuole un prospetto della vita che gli dia più gusto
Cambia l’aspetto spera che il sapore no

Non sia amaro amore, non sia amaro amore no
Stupido, se a parlare troppo è sempre il gomito

Ci vuole spirito e nelle cose un po’ di senso critico
Cerca il contatto, abbagliato solo dall’aspetto
E poi nel letto no non riconosce più l’amore, l’affetto, l’effetto di tutto

RIT
Basta che noia di festa
Metto i vestiti all’asta
Te gusta la siesta
La vita mi conquista
Lavoro di testa e mi riposo un po’…

Timido, rosso ma niente di politico
Stupido, se a parlare resta solo il gomito

Isterico, collerico, si prende sempre il merito
Abile oratore quando in mano c’è un bicchiere

Isterico, collerico, si prende sempre il merito
Abile oratore
Prende di petto, non la spiegazione ma il concetto
Se fa difetto, non ti preoccupare che difetto, di fatto, nessuno è perfetto!

RIT
Basta che noia di festa
Metto i vestiti all’asta
Te gusta la siesta
La vita mi conquista
Lavoro di testa e mi riposo un po’…

TE NE ACCORGI PIÙ IN LÀ


Testo di Davide Liperoti

Ascolta su Spotify

 

A volte la ragione sembra trasparente
Chi accetta la realtà in fondo non fa niente
Ti sentirai sicuro se non fai domande
Dai prova a camminare che ce le hai le gambe  
Quando il cielo è scuro danzano le ombre
Anche il più sincero a volte non risponde
Cerchi il tuo futuro perso all’orizzonte
Ti basta immaginare che ce l’hai di fronte  

RIT
Cos’è, cos’è, cos’è… cos’è che fa male
Cos’è, cos’è, cos’è… cosa c’è che non va
Com’è, com’è, com’è… che se hai perso l’amore
Te ne accorgi più in là…  

C’è chi prende il fucile… e chi le bombe
A volte la coscienza non ci sta
Imparerà a fuggire solo chi si arrende
Ma non è meglio vivere
Ma non è meglio vivere  

RIT
Cos’è, cos’è, cos’è… cos’è che fa male
Cos’è, cos’è, cos’è… cosa c’è che non va
Com’è, com’è, com’è… che se hai perso l’amore
Te ne accorgi più in là…  
Cos’è, cos’è, cos’è… Cos’è, cos’è, cos’è… Cos’è, cos’è, cos’è…  

Distrattamente mi accorgevo
che non si può tendere una mano verso il cielo
anche poi pretender che si bagni piano piano
quando non ci sono nuvole  

Allora vieni più vicino
Ho il solito sospetto che se stai così lontano
Non metto a fuoco il viso che da tempo conoscevo
E cambierà l’affetto che ho per te  

Cos’è, cos’è, cos’è… cosa c’è che non va
Cosa c’è che non va
Cosa c’è che non va

 

STATO DI FERMO


Testo di Davide Liperoti

Ascolta su Spotify

 

Provo a condividere sottili alternative
Quasi trasparenti, se calcoli che oggi siamo tanti
Stretti all’angolo, pronti a prendere
Colpi che ci inseguono profondi fino all’essere

Sono qui che guardo ma non vedo lineamenti
come in controluce, immagino e l’immagine mi piace,
volto nobile, dura poco capisco che le ombre sanno fare il loro gioco

Mi difendo armato solo della decisione
In cerca di alleati, ti dico che non voglio dei soldati
troppi politici, poche parole
sfumano nel mondo e fanno quello che gli pare
sfumano nel mondo e fanno quello che gli pare…

RIT.
Vieni Via, Vieni Via
E’ un passo che confonde non è la nostalgia
Vieni via, vieni via
Ovunque te ne andrai sarà sempre casa tua allora
Vieni via, vieni via
Nessun lamento, stato di fermo
Nessun lamento, stato di fermo

Scusi se disturbo mentre prendo le misure
Pratica di rito son venuto qui per il vestito
Mi va stretto lo stivale, provo le parole per il giusto memoriale  
Quella sensazione solo prima di andar via
Il viso che si arrende, ecco un’altra lacrima che scende
Case vuote, sconosciute
Forse alcune cose non andavano cambiate.  

RIT.
Vieni Via, Vieni Via
E’ un passo che confonde non è la nostalgia
Vieni via, vieni via
Ovunque te ne andrai sarà sempre casa tua allora
Vieni via, vieni via
Nessun lamento, stato di fermo
Nessun lamento,  stato di fermo   

Vieni via vieni via
È un passo che sorprende non è la fantasia
Allora vieni via vieni via  

Vieni via vieni via
È un passo che sorprende non è la fantasia
vieni via vieni via  

Non è sempre stato così
Non è sempre stato così

 

CONVIENE


Testo di Davide Liperoti

Ascolta su Spotify

 

A me gli occhi le mani la bocca i pensieri
Non è facile spiegare quello che volevi
Tengo pronta la mano sul petto a giurare
E spero che le cose siano chiare  

Si presume che ognuno si cerchi il suo centro
E ne troverai uno sia fuori che dentro
E se poi la tua ruota non riesce a girare
Vuol dire che le cose non sono chiare  

RIT.
E ogni tanto conviene
Come il sole sparire in un giro di mondo
e poi all’alba tornare  

Anche se oggi è tra i giorni più neri
La sfida è affrontarlo ed andare fuori
Eppure la pioggia non ti viene incontro
Ma sorriderai perché hai il fuoco dentro  
E’ il senso di colpa che rende sinceri
Non sono svaniti i tuoi anni migliori Vedrai, vedrai  

RIT.
E ogni tanto conviene
Come il sole sparire in un giro di mondo
e poi all’alba tornare  

E ogni tanto conviene
Come il sole sparire in un giro di mondo
e poi all’alba tornare  

A me gli occhi le mani la bocca i pensieri
Non hanno scadenza i tuoi anni migliori
Vedrai, vedrai 

 

IL TEMPO NON CI BASTERÀ


Testo di Davide Liperoti

Ascolta su Spotify

 

Vivi nel contorno di una vita che non ti appartiene e a malincuore
Dici qui va tutto bene
Scrivi di quel grigio che ti rende stanco ma il dipinto può cambiare
Se ci aggiungi del colore  

Poi arriva il giorno a cui non hai creduto mai
E in grandi fiori rossi si trasformano i tuoi guai  

RIT.
Non so quale sarà il lavoro
Neanche quanti soldi avremo
Di che paese sei
Qualunque sia lo scopriremo
Tra negozi e musica il tempo non ci basterà
Oggi sono sveglio e so perché mi trovo qua  

Rende più confusi la paura di poter sbagliare ma l’errore
Sai può anche fare bene
Forse tu ti illudi che all’inizio sia più facile dimenticare
Se cominci dalla fine  

Poi arriva il giorno quando non lo aspetterai
E ti potrò guardare mentre ti addormenterai  

RIT.
Io mi sbagliavo sull’amore prima di poter capire
Ti dirò chi sei solo se provi a giocare
Tra vestiti e cinema il tempo non ci basterà
Ora sei vicina e so perché mi trovo qua  

Poi arriva il giorno perché non lo aspetterai
Tra grandi fiori rossi spariscono i tuoi guai  

RIT.
Non so quale sarà il suo nome noi lo sceglieremo assieme
In che paese vuoi qualunque sia staremo bene
Tra la vita e l’aldilà il tempo non ci basterà
Oggi che ho deciso la tua canzone suonerà  

Liberi di fare viene tutto naturale qui con te
La parola fine farà parte poi di un tempo che non c’è

 

L'ALTRA METÀ


Testo di Davide Liperoti

Ascolta su Spotify

 

Saltare il punto non è semplice
Poter provare l’impossibile
E poi tentare l’incredibile   

Cercando spazio tra le scatole
È quasi un gioco di altitudine
Mi credi solo un insensibile  

…intanto ritorni da me  

RIT
Prendi posto sgomita, c’è la fila per guardare
Scopri di città in città che alla fine è tutto uguale
Non si può restare dietro a un vetro
Allora andiamo avanti e non indietro…  

E forse non mi vuoi convincere
Ma dici tutto come se
Questo basti solo che
Come sempre non è facile per me  

Anche felice non al sole
Sdraiato sulle tue parole
E forse solo il tempo
Sia pure pioggia o vento…  

RIT
Prendi posto sgomita, c’è la fila per guardare
Scopri di città in città che alla fine è tutto uguale
Non si può restare dietro a un vetro
Allora andiamo avanti e non indietro…   

Cadere in piedi tra le virgole
Apostrofando l’abitudine
Lo sai non sono un’insensibile…

 

TI CERCO NEGLI OCCHI


Testo di Davide Liperoti

Ascolta su Spotify

 

Ovvio che cerco il piacere ma senza il dolore poi non lo sai
Come nell’onda che muove pensando al domani ti cullerai

Ti cerco negli occhi…  

Quando il silenzio non dice è solo il rumore che sentirai
Come la foglia che cade ti prendi il tuo tempo ma arriverai

Ti cerco negli occhi…  

Mi piacerebbe restare…  

Rit.
Prendimi come un’idea
Che a volte ti sfiora soltanto e non va più via
Ho preso accordi col cuore
Ti cerco negli occhi  

Come in un sogno ti appare si sente la voce ma non mi vedrai
Stento a fidarmi del cuore ma poi tutto il resto sa ciò che vorrei
Quando la vita sorride si spera che il tempo non cambi mai  

Rit.
Prendimi come un’idea
Che sposa la tua convinzione e non va più via
Io sono qui per restare  

Piove, l’acqua scivola
Neve, tu puoi prenderla  

Rit.
Prendimi come un’idea
Che a volte ti sfiora soltanto e non va più via
Ho preso accordi col cuore
Ti cerco negli occhi 

 

FAVOLE


Testo di Davide Liperoti

Ascolta su Spotify

 

Rinato l’orgoglio peccato non darsi da fare
Mia amata coscienza che disse il suo no al militare
Sfumata l’infanzia il gioco è non farsi sparare
Come mai  

Ma come faranno a permettere simili orrori
E come si fa a non commettere gli stessi errori
Una risposta ce l’hai, tu che le cose le sai
Come mai  

RIT.
Se tutto fosse possibile
Solo una cosa da chiedere
Dimmi sapresti decidere
Tu da che parte rinascere
Ora che tutto è possibile
Perché non ci credi alle favole  

E se l’innocenza ti dice di restarne fuori
Che ogni rinuncia e fatica ci rende migliori
Cosa ci trovi da ridere
Tu che non credi alle favole  

C’è sempre chi è pronto a scommettere vincano i buoni
E chi crede possano nascere giorni peggiori
Forse il coraggio ce l’hai
Allora perché non lo fai
Come mai  

RIT.
Se tutto fosse possibile
Solo una cosa da chiedere
Dimmi sapresti decidere
Tu da che parte rinascere
Ora che tutto è possibile
Perché non ci credi alle favole   

Per oggi la festa è finita signore e signori
Chi brinda alla vita sperando che il sogno si avveri
Come ci riesci a convivere
Se non ci credi alle favole